Dettagli prodotto

Biografia:

Valentina Usala  è nata a Tortona il 22 febbraio del 1987; dopo la maturità classica, ha studiato Lettere Moderne (indirizzo Discipline dello spettacolo) presso l’Università degli studi di Pavia, senza però conseguire la laurea. Ha scritto due volumi ambientati nella sua terra d’origine: Filla de nemusu (Tipografia Fadia, 2003) il secondo Passo a quattro mori (Arkadia Editore, 2010). Nel corso degli anni la propensione alla sfera sociale ha trovato espressione in diverse attività: ha ideato, condotto e promosso alcuni progetti scolastici, in cui si è sensibilizzato sul tema del bullismo, della devianza giovanile e della detenzione minorile. Insieme ai due cari amici Bruno Furcas e Salvatore Bandinu, con i quali si è confrontata tra Piemonte e Sardegna su queste problematiche giovanili, e con la collaborazione dei professionisti Roberta Toso e Christian Castangia, sta portando avanti un progetto sulla tematica dello spettro autistico, di cui fa parte anche questa pubblicazione, da lei curata. Attualmente sta frequentando un corso in Arteterapia clinica.

Fonte : Edizioni Epoké

 

Valentina-Usala

 

Sinossi ufficiale:

Nel 1985, in Sardegna, la ventiquattrenne Demersa Divizia scompare senza lasciare traccia. Di lei non si avranno più notizie per quasi vent’anni, fino a che il vicecommissario irlandese Nevan Macintosh non vede la sua foto su un giornale e sente un brivido lungo la schiena: quella ragazza è uguale identica a sua sorella Clodagh, anch’essa scomparsa nello stesso anno, alla stessa età, anch’essa incinta. Senza pensarci due volte, Nevan si precipita in Sardegna per cercare di far luce sul caso irrisolto e lenire il senso di colpa che lo attanaglia per non essere riuscito a salvare Clodagh. Irlanda e Sardegna sono ora più vicine che mai, e a sovrapporsi non saranno solo i destini ma anche leggende antiche quanto l’acqua che bagna le due isole.

 

Retro libro Usala

 

Recensione a cura di Marika Mendolia:

Due storie parallele, due narrazioni corpose con protagoniste due donne segnate da un tragico destino. Un infausto fato lega delle giovani ragazze in due diversi luoghi. La cattiveria e la meschinità dell’umanità hanno sacrificato fiorenti vite per una morale errata e fuori luogo. La storia che l’autrice ci presenta emana un profondo senso di reale inquietudine; in quanto la vicenda ci mette di fronte a delle realtà apparentemente impalpabili ma al contempo davvero incisive. Sono tanti gli interrogativi che insorgono nella mente del lettore che si lascia assorbire dalla narrazione senza riuscire a staccarsene completamente.

Ho apprezzato molto il dialogare dell’autrice stessa con chi legge e soprattutto il suo esprimersi in maniera schietta e semplice riuscendo a farci sentire parte animata del racconto. Molto interessante l’inserimento di personaggi fantastici esistenti nelle leggende del luogo. Stiamo parlando delle “banshee” che nella comunità irlandese sono creature celate da un alone di mistero che popolano le storie del luogo. In verità sono descritti come degli spiriti sotto le sembianze di bellissime donne che piangono continuamente con il viso coperto da un velo. Appaiono solo agli occhi di chi è prossimo alla morte. La storia inizialmente non segue un filo logico, ma andando avanti ci accorgiamo di come le due storie siano parallele e interconnesse tra di loro. La genialità dell’autrice è stata anche quella di unire le vicende e di creare per l’appunto dei meravigliosi parallelismi tra Irlanda e Sardegna; giungendo a un indimenticabile e inaspettato epilogo.

 

La Gilda dei Lettori è anche un canale YouTube.

Il progetto per crescere necessita di iscrizioni al canale.

Iscriversi è facile e gratuito.

È sufficiente aprire il link e cliccare su “iscriviti”.

Grazie.

 

Canale YouTube “La Gilda dei Lettori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...