Dettagli prodotto

 

Biografia:

Latitude180_credit_Sciortino5-36bbd258b7_1920x1080

Luca Sciortino si è laureato in fisica all’Università di Pisa e ha conseguito il Master in Comunicazione della Scienza alla Sissa di Trieste. Scrive reportage di viaggio e articoli per Panorama, e svolge attività di ricerca in filosofia della scienza. Ha conseguito il dottorato alla Open University (Uk), è stato research fellow all’università di Leeds (Uk) e Armenise-Harvard science writer fellow alla Harvard University (Usa).

Ha vinto premi di scrittura, tra cui il premio Voltolino per la divulgazione scientifica, e ha pubblicato articoli di ricerca su riviste internazionali di filosofia come “Erkenntnis” e “International Journal in Philosophy of Science”. Per Editoriale Scienza ha scritto Bianca Senzamacchia, la biografia immaginaria di una cellula che spiega i principi base della biologia. 
Nella seconda parte del 2016 ha viaggiato dalla Scozia al Giappone senza aerei attraverso l’Asia Centrale e ha raccontato la sua avventura in parole e fotografie nel libro “Oltre e un cielo in più. Da una parte all’altra del mondo senza aereo” (Sperling & Kupfer). È anche autore di “La seconda vita di Polimorfus” (Springer) e di “Vita di un atomo scritta da sé medesimo” (Erickson).  Fonte Editorialescienza

Bibliografia:

Bibliografia

Editore: Erickson, 31 marzo 2010, “Vita di un atomo raccontata da sé medesimo. La storia dell’universo spiegata ai bambini”. Clicca qui per l’acquisto su amazon

Editore: Editoriale Scienza , 20 luglio 2010, “Bianca senza macchia” Clicca qui per l’acquisto su amazon

Editore: Sperling & Kupfer, 23 gennaio 2018, “Oltre e un cielo in più. Da una parta all’altra del mondo senza aereo”. Clicca qui per l’acquisto su amazon

Editore: Il Torchio, 18 dicembre 2019, “Ritratto dell’anima del mondo. Saggio sulla realtà in pensieri e immagini”. Clicca qui per l’acquisto su amazon

Sinossi ufficiale:

Molti filosofi hanno sostenuto che l’universo ha un’anima, la cosiddetta anima mundi. Di questa idea sono state proposte diverse versioni a partire dalle cosmologie orientali e dal pensiero di Eraclito e Platone. Se l’anima di un essere umano può essere pensata come la totalità dei tratti che formano la sua personalità, allora anche quella dell’universo può essere immaginata come un complesso di tratti distintivi e disposizioni rintracciabili nel mondo dei fenomeni. Ci possiamo allora chiedere: quali sono gli eventi che suggeriscono l’esistenza dell’anima del mondo o rivelano alcuni dei suoi tratti? In che senso differiscono da altri eventi che si perdono nel flusso indistinto e ininterrotto del tempo? Come ci emozionano? Possono essere catturati da una fotografia? Sciortino riflette su queste domande intrecciando filosofia, racconto di viaggio, poesia e critica della fotografia. Ne emerge un avvincente racconto, corredato da bellissime fotografie, di come la bellezza raggiunge i nostri cuori, muove la nostra immaginazione e ci rivela l’essenza delle cose.

Recensione a cura di Marco Schifilliti:

Luca Sciortino ha scritto un altro capolavoro!

“Ritratto dell’anima del mondo” è frutto del connubio tra mente brillante e animo nobile di un sognatore che cerca nella conoscenza la sazietà empirica e metafisica. Luca Sciortino ci rende partecipi della sua straordinaria competenza letteraria e percezione della realtà visibile e trascendentale.

Ritratto dell’anima del mondo può intendersi come chiave interpretativa del tema “anima mundi” con accezione esplicativa. Il giornalista, grazie al dono dell’empatia di cui è insito, entra in sinergia con la natura e ciò che la circonda. Tale peculiarità assume concretezza soprattutto quando un gesto apparentemente privo di significato viene rielaborato dallo scrittore con prospettive diverse dall’ovvietà e superficialità, anteponendo così la sostanza alla forma.

Un saporito assaggio che rende l’idea di quanto ho appena scritto:

“Un gatto era spuntato chissà da dove, come se le ultime ombre della notte si fossero materializzate. Ci passò davanti, zigzagò tra le valigie, attraversò la strada con indolenza, passò sopra un grande cartone portato dal vento e sembrò accorgersi di quell’unico frammento di poesia che c’era da quelli parti: un piccolo fiore bianco che nemmeno noi avevamo notato. Lo annusò a lungo, poi sembrò volgere l’attenzione altrove, infine parve reimmegersi nel suo profumo sedendosi sulle zampe posteriori e tenendo il muso appena sopra quella candida corolla di petali. Un attimo dopo, quando al soffio leggero del vento il fiore si raddrizzò tremando sul gambo, il gatto sollevò appena la testa come a non lasciarsi sfuggire nemmeno un’infinitesima frazione di quella fragranza. Pareva in estasi, e in una maniera talmente evidente che Rohit, mio compagno di viaggio in quella parte dell’india, commentò che l’animale era in comunione con Brahman, per gli induisti una sorta di anima del mondo.”.

Le immagini, i suoni, le intuizioni di quest’attimo speciale caratterizzato dalle parole dell’amico Rohit, dal gatto che gode della bellezza del creato, s’imprimono nella mente dello scrittore e tornano come un fulmine a ciel sereno mentre sta leggendo un testo del filosofo e psicoanalista “James Hillman”, il quale sostiene che l’anima non è soltanto dentro di noi ma anche fuori di noi e che ci sono cose o eventi che rivelano l’anima dell’universo. 

Grazie alle riflessioni di J. Hillman Luca Sciortino avverte l’ispirazione nascere dentro di sé. Ispirato e motivato dalle teorie di James Hillman, parte alla scoperta dell’anima mundi. Viaggiando in “lungo e largo” immortala con la fotocamera attimi suggestivi e straordinari che mostrano “scorci” dell’essenza vitale del “mondo”.

La ciliegina sulla torta è l’iniziativa di corredare ogni foto con il personale “ricordo” dello scatto e un passo letterario di noti e considerevoli testi. Questa chicca impreziosisce il libro, rendendolo ancor più interessante e singolare.

Leggendo il libro cresce il desiderio dell’interpretazione sia soggettiva sia oggettiva delle foto.

Personalmente credo che il filo conduttore e la simmetria del testo si sostanzino anche nella parte “non scritta”, in cui si nota la destrezza dello scrittore di saper ascoltare “il silenzio”, scoprire il vissuto e osservare la “prospettiva” individuale di ogni “scorcio”; mi piace pensare che quei momenti particolari “dell’anima mundi” stessero aspettando un eccellente intenditore e narratore per farsi immortalare.

La foto “Pescatori di marlin nell’Oceano Atlantico, Capo Verde, 2018”, mi ha colpito notevolmente. Ho colto il senso d’immensità, di maestosa e misteriosa potenza degli abissi, accompagnato dalla serenità dei pescatori che “domano” cotanta energia. Foto stupenda e ricca di emozioni. 

“Ritratto dell’anima del mondo” apre la mente e…

Leggere per scoprilo…

La Gilda dei Lettori è anche un canale YouTube.

Il progetto per crescere necessita di iscrizioni al canale.

Iscriversi è facile e gratuito.

È sufficiente aprire il link e cliccare su “iscriviti”.

Grazie!

 

Canale YouTube “La Gilda dei Lettori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...