Dettagli prodotto

Cenni sull’autrice: 

Ivana Tomasetti è nata a Trento, oggi vive a San Martino in Strada in provincia di Lodi. Ha insegnato lettere nella scuola primaria e in quella secondaria di primo grado. La ricerca storica è una delle sue passioni. Ha già pubblicato: “Identità alla sbarra” ed. Terre Sommerse, Roma 2019.

IvanaTomasetti

Sinossi ufficiale:

Trentino, 1914. Una famiglia di contadini vive in terra austriaca, nei pressi del confine italiano. L’inizio del conflitto mondiale la costringe alla separazione: il padre è reclutato nell’esercito dell’impero ed è inviato sul fronte orientale, la madre ed il figlio di sei anni saranno internati nel campo profughi di Braunau, quando l’Italia dichiarerà guerra all’Austria. Lontani per lunghi anni, non conoscono la sorte l’uno dell’altra. La storia di un uomo, di una donna, del piccolo Giuseppe che si fa grande, le loro lotte, le loro speranze sono raccontate in una vicenda, nella quale la sopravvivenza è legata anche alla trasformazione delle anime.Welsch-Tirol (Tirolo Italiano) fu il nome dato al Trentino, ai tempi dell’Impero asburgico, per indicare la zona in cui si parlava la lingua italiana. Fu coniato da Giulio Cesare che chiamava Volcae una tribù della Gallia. Nel tempo, Welschen indicò le popolazioni francesi e italiane, che parlavano lingue neolatine, per distinguerle dai Germani, la cui lingua derivava dal ceppo tedesco.

Recensione a cura di Roberta Paolini:

Il libro è un romanzo storico e si propone come un autentico spaccato della vita del popolo tirolese e trentino durante la Prima guerra mondiale, descrivendone magistralmente i costumi, le tradizioni, le traversie patite e poco note dal resto della popolazione italiana.

Il popolo trentino e tirolese ha vissuto sulla propria pelle tutti i cambiamenti storici, militari, istituzionali nel passaggio dall’impero austro-ungarico all’Italia e risulta ancora essere un coacervo di conoscenze mitteleuropee, grazie alla posizione geografica che riveste.

L’autrice fa conoscere tutte le disavventure sofferte dalla popolazione di qualunque ceto sociale e dai soldati mandati al fronte in luoghi lontani e per loro sconosciuti, che li vide impegnati in varie parti d’Europa, in Russia fino a giungere alla colonia italiana in Cina in attesa di tornare in patria, nella nuova Italia dove torneranno solo nel 1920.

Il conflitto mondiale ormai lontano nel tempo e nello spazio, ma in realtà così importante per la storia nazionale, meriterebbe di essere più conosciuto, soprattutto dalle giovani generazioni.

Il lettore entra a poco a poco in una dimensione lontana nei ricordi e nello spazio, ma è rapito dalla dovizia di particolari, così bene descritti, tanto da esserne quasi partecipe, come se fosse un personaggio sullo sfondo di un quadro dipinto, o di una fotografia sbiadita dal tempo.

La Gilda dei Lettori è anche un canale YouTube.

Il progetto per crescere necessita di iscrizioni al canale.

Iscriversi è facile e gratuito.

È sufficiente aprire il link e cliccare su “iscriviti”.

Grazie!

Canale YouTube “La Gilda dei Lettori”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...