copertina-BQ

 

Dettagli prodotto:

 

  • Copertina flessibile: 74 pagine
  • Editore: Masciulli Edizioni (5 aprile 2018)
  • Collana: Narrativa
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8885515142
  • ISBN-13: 978-8885515147

Sinossi ufficiale:

Quanto forte grida l’anima per dar voce a dolorosi silenzi?

“Pugni in faccia a colazione” è un viaggio tra pagine pregne di vita, alla ricerca di risposte e di un necessario filo di speranza.

Una raccolta di storie intense, che raccontano esistenze intrise di coraggio, perennemente in bilico, alla ricerca di un afflato vitale forte ed indispensabile.

Storie spesso scomode, in grado di pungolare la nostra anima, impedendo di fatto di voltare la testa dall’altra parte, alla costante ricerca di una riflessione, consapevoli che il primo fondamentale cambiamento parta da noi stessi.

Quattordici storie, quattordici “Pugni in faccia a colazione” diretti, sinceri e veri, esattamente come la vita.

 

Recensione

 

Pugni in faccia a colazione  Di Daniela Paoloemilio non è un semplice testo di narrativa, ma una piccola e cruda raccolta di fatti di cronaca dedicati alla violenza domestica, al bullismo, al disagio giovanile in generale. Un pugno non solo sul viso, ma anche nello stomaco mentre si leggono le vicende di ragazzini dediti all’autodistruzione come unica fonte di reazione al male che li circonda. Vorremmo essere lì a tender loro una mano, a dirgli che dovrebbero denunciare, reagire, liberarsi, ma possiamo solo restare a guardare le pagine amare di brevissime vicende che potremmo leggere nella cronaca di tutti  i giorni.  Storie di bulimia, di stupro, alcolismo: l’angoscia che si fa via via più palese e solida man mano che leggiamo di adolescenti, quindi piccoli adulti, ma non ancora tali, che già hanno visto troppo, che già non hanno più niente da chiedere alla vita. La pace gli è stata negata e non possiamo immaginare se qualcuno di loro riuscirà a salvarsi dalla spirale di orrore cui è prigioniero. I racconti sono solo lo spaccato senza filtri del presente che stanno affrontando. Una scrittura non banale cui unica pecca è l’uso eccessivo del corsivo là dove sarebbe invece utile limitarlo per rendere più forte certi significati che altrimenti si perdono. Il gergo giovanile è abbastanza buono e rende bene l’idea del linguaggio di queste nuove generazioni.

Consigliato per comprendere meglio ciò che subiscono molti alunni sia nelle scuole che in casa, soprattutto consigliato da leggere nelle scuole.

Linda Lercari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...