Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile
  • Editore: Biplane Edizioni (10 ottobre 2019)
  • Collana: Voli a planare
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8832205009
  • ISBN-13: 978-8832205008
  • Link di acquisto su Amazon:  https://amzn.to/2FyYO1Q

Sinossi Ufficiale

Evan è un infermiere che lavora in un reparto ospedaliero che aiuta malati terminali a compiere l’ultimo gesto. In modo legale. È proprio lui che passa l’ultimo “cocktail” ai pazienti che ne fanno richiesta. I suoi amici non sanno di cosa si occupi in ospedale. Solo la straordinaria Viv, donna ironica e incredibilmente intelligente, sa cosa faccia il figlio. Ma non sa cosa lui combini quando non è con lei o in ospedale. Evan è sfuggente. Nel lavoro di Evan, ci sono regole, gerarchie e procedure rigorose cui attenersi. Che possono andare strette, prima o poi. Un paziente dopo l’altro, Evan inizia a porsi interrogativi che hanno a che fare con i suoi valori morali e la sua coscienza. Scoprirà come la strada davanti a lui sia tortuosa e accidentata. Specie quando la posta in gioco è Viv. Saprà cosa è giusto fare? Comunque la si pensi sul fine vita, questo non è un romanzo sull’eutanasia o sul suicidio assistito. È un romanzo sulle emozioni, sui rapporti familiari, sulle scelte. Sull’amore.

Recensione

La via più facile è sicuramente un romanzo molto particolare. Uno di quei testi che possono scatenare sentimenti di sgomento, di imbarazzo e di disappunto.

Ho affrontato la lettura mettendo da parte religione e moralità, cercando di mantenere un certo distacco. Ma non è possibile non essere catturati dalla trama, perché di motivi per commuoversi e appassionarsi ce ne sono parecchi, così come vengono offerti in abbondanza gli spunti per riflettere.

L’argomento trattato è forte e molto dibattuto: si parla di eutanasia, di sofferenza e di malati terminali, quindi la lettura è una continua altalena tra momenti di commozione e altri di sconcerto.

Un libro di amore, di scelte, di coraggio. Si parla della fermezza con la quale un malato decide di andare incontro alla fine, per non soffrire, certo, ma anche e soprattutto per evitare a chi gli sta vicino un dolore inutile e vano. Ma si parla anche della forza con la quale una persona asseconda il volere del paziente, lo accompagna e lo segue negli ultimi istanti.

Il protagonista è Evan, infermiere come tanti, che sta attraversando un momento di confusione per quanto riguarda la sua vita. Inizia un lavoro atipico: aiuta e offre sostegno a persone che decidono di togliersi la vita, assorbe il loro dolore e rimane, ma solo in apparenza, indifferente fino al momento fatidico.

Una serie di protocolli da seguire con scrupolo: telecamere che filmano il paziente che dichiara la volontà di bere il veleno, infermieri che devono rimanere nell’ombra durante la disperazione dei parenti e, alla fine, occuparsi della salma; tutto come un rito meccanico e asettico. Un lavoro dove non si può e non si deve lasciare spazio ai sentimenti. Una lettura che a volte diventa irriverente, quasi per sfidare o esorcizzare la morte.

Mi aspettavo di trovare un testo angosciante e intriso di sofferenza. Al contrario, la fragilità di Evan e la sua ingenuità rendono La via più facile un libro denso di sentimenti e rapporti delicati, tanto che il tema principale passa in secondo piano, per lasciare emergere il candore e la semplicità del protagonista.

Anche Evan si troverà a dover prendere una decisione drammatica, a scegliere tra il bene e il male, tra alternative giuste o sbagliate, tra ragione o cuore.

Veniamo messi di fronte alla domanda che da secoli i grandi filosofi si pongono: dobbiamo fare prevalere la nostra parte razionale o lasciarci trascinare dai sentimenti? La risposta ovvia e scontata è che, forse, bisognerebbe trovare un equilibrio tra i due, ma La via più facile ci dimostra che non sempre è possibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...