71cQ-OTZ7tL.jpg

Acquista qui su Amazon

 

Dettagli prodotto

 

  • Copertina flessibile: 252 pagine
  • Genere: Giallo
  • Editore:Newton Compton (11 luglio 2019)
  • Collana:Nuova narrativa Newton
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8822731522
  • ISBN-13:978-8822731524

 

Trama

Quando un giovane comico, Simone Rossmann, scompare, l’ispettore Ceratti è chiamato a seguire le indagini. Recatosi nell’appartamento del ragazzo, trova un vecchio disco incantato su un grammofono, che ripete la parola “morire”. La voce del disco è quella del divo del varietà del Novecento, Ettore Petrolini. Sembrerebbe una macabra coincidenza, ma le stranezze non sono finite: il palazzo in cui l’appartamento si trova è proprio quello dove aveva vissuto il grande attore romano e l’appartamento è tappezzato da sue immagini, foto e locandine. Ceratti convoca allora il suo amico libraio, Ettore Misericordia, chiedendogli come al solito un aiuto nelle indagini. Un caso così intricato, infatti, ha bisogno dell’intuito di qualcuno in grado di immergersi totalmente nella storia di inizio Novecento, senza tralasciare i dettagli più insoliti che potrebbero rivelarsi determinanti. Ha così inizio un’indagine rocambolesca, che si addentra nella vita movimentata di Ettore Petrolini, un uomo vissuto quasi un secolo prima. I misteri del passato si intrecciano con quelli del presente dando vita a un’avventura piena di colpi di scena tra palazzi e strade romane.

Recensione a cura di Dario Brunetti

Il giallo di Ponte Sisto è il nuovo romanzo dei fratelli Max e Francesco Morini che ripropongono la coppia Ettore Misericordia e il suo fido collaboratore Fango, coadiuvati come sempre dall’ispettore Ceratti devono indagare sulla misteriosa scomparsa di Simone Rossmann, un giovane comico dalle eccellenti qualità, che aveva lasciato nel suo appartamento, un grammofono con un disco che si era fermato nel suo movimento proprio alla voce “ morire”. Strana coincidenza che spinge il libraio dalle cellule grigie (come direbbe Poirot), il suo aiutante e l’ispettore a mettersi sulle tracce del giovane comico.

Ma torniamo indietro a quella voce di quel disco e alla strana parola scandita, ebbene si, la voce appartiene ad uno dei più grandi divi del Novecento, Ettore Petrolini.

Il fascino e l’irresistibile bellezza di Roma, di quei palazzi antichi, della borgata, di strade vicoli e dei racconti della gente e poi c’è il mistero, proprio così perché in questo nuovo romanzo dei fratelli Morini c’è un connubio che funziona alla perfezione, per una trama ricca di intrighi e di colpi di scena che danno quel giusto e meritato valore ad una storia alquanto godibile e del tutto apprezzabile.

Sherlock Holmes e Watson si trasferiscono nella Roma capitale e li troviamo nei personaggi del libraio Ettore Misericordia e della sua spalla Fango, e anche nel terzo romanzo si faranno come sempre valere per la loro ironia e quel sano umorismo che ben li contraddistingue.

Ma il giallo di Ponte Sisto si concentra maggiormente sulla figura istrionica del grande Ettore Petrolini che ebbene ricordare è stato un attore comico,drammaturgo, sceneggiatore e scrittore, uno dei maggiori esponenti del teatro di varietà, della rivista e dell’avanspettascolo di quel Novecento che vedeva proprio nel teatro di varietà il cosidetto teatro minore o leggero e che affondava le sue radici nello spettacolo popolare. In Francia veniva comunemente denominato feuilleton, ma in Italia se Petrolini ne è stato il pioniere tanti nomi illustri da Rascel a Proietti per citarne giusto alcuni ne sono stati successori.

Nei romanzi dei fratelli Morini si mette in evidenza l’arte in tutte le sue molteplici forme e lo si nota anche nelle storie precedenti, in questo caso nella figura di Petrolini che diventa la scusa buona per scrivere il loro terzo giallo deduttivo come ormai hanno ben abituato il lettore e che non resterà deluso.

Non possiamo far altro che attendere la prossima avventura della coppia Misericordia-Fango che son sicuro non tarderà ad arrivare nel 2020, con buona pace dei lettori e soprattutto degli amanti del giallo classico a cui i fratelli Morini si ispirano.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...