51TmcgVa4QL.jpg

Acquistabile qui su Amazon

 

Dettagli prodotto

 

  • Copertina flessibile:256 pagine
  • Genere: Noir
  • Editore:Frilli (19 luglio 2019)
  • Collana: Noir
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8869433692
  • ISBN-13:978-8869433696

Trama

Indagini di routine per l’investigatore privato genovese Michele Astengo. Ma alcuni piccoli dettagli della sua vita stanno per cambiare. Il suo lavoro ha una svolta inaspettata dopo un tragico fatto di cronaca che si accende a pochi passi dal suo ufficio in Salita San Matteo. Qualcosa che ben presto finisce col rientrare nella sua sfera di competenza nell’istante in cui un certo Gilberto Ruggeri, importante imprenditore locale, gli chiede di recuperare alcune carte conservate in uno schedario all’interno del Credito Navale Genovese. Un incarico non semplice per Astengo, soprattutto perché dalle informazioni raccolte dal fido Corrado, qualcosa non è ben chiaro sull’operato di quella banca. Mentre il rapporto con la sua assistente Dalia ha degli sviluppi inaspettati, Michele Astengo si trova nuovamente invischiato in un meccanismo che mette in gioco più di quello che sembra. Perché la vita di numerosi imprenditori finisce in rovina dopo essere diventati clienti della Cre.Na.Ge? Morti sospette, forze oscure strisciano nella mente di Michele Astengo, mentre Genova si mette in maschera, assumendo il suo aspetto più inquietante. Un’indagine che porterà Michele Astengo a smarrire anche sé stesso, facendo riemergere frammenti della sua vita che teneva sepolti. La suggestione può essere l’ultimo passo verso la fine.

Recensione a cura di Dario Brunetti

Dare e avere è il nuovo romanzo della coppia Andrea Novelli e Gianpaolo Zarini che vede protagonista l’investigatore privato genovese Michele Astengo, questa volta alle prese con un’indagine riguardante una banca prestigiosa: il Credito Navale Genovese.

C’è qualcosa di poco chiaro in questa banca e, dopo uno spiacevole fatto di cronaca, Gilberto Ruggeri,un importante imprenditore locale, coinvolge l’investigatore Michele Astengo affidandogli un incarico molto difficile e particolarmente delicato: recuperare alcune carte conservate in uno schedario.

Come si spiega il fatto che molti imprenditori, clienti di questa banca, dopo aver investito soldi finiscono col fallire? C’è per caso un raggiro ai loro danni, una truffa in piena regola?

Per Michele Astengo, coadiuvato da Corrado, si presenta un’indagine pericolosa che comporterà più di un’insidia.

Genova ti cattura e ti trascina in un vortice di mistero, morti sospette e imprenditori che sentono il cappio intorno al collo stringersi sempre di più.

De Andrè cantava “Chi derise la nostra sconfitta e l’estrema vergogna e il modo, soffocato da identica stretta, impari a conoscere il nodo “. Era la ballata degli impiccati, brano dell’album Tutti morimmo a stento del 1968.

Gli impiccati del compianto Faber cantano il rancore verso chi li ha condannati ingiustamente e anche in questa storia troviamo imprenditori stritolati in una morsa che toglierà loro la vita: anche qui la morte grida vendetta!

Gli autori ci confezionano un noir che parte lento, ma con lo scorrere delle pagine assume un ritmo serrato trasformandosi in un thriller ad alta tensione. Con una scrittura piuttosto fluida hanno saputo dare vita a una storia piena di intrighi.

Toccherà ai lettori farsi catturare da questo romanzo che definirei avvolgente, anche l’amore per la conturbante Dalia avrà una spigolosità del tutto spiazzante.

Per il povero Michele Astengo le grane saranno davvero tante, quasi da fargli andare le trofie al pesto (suo piatto preferito ) di traverso.

Di particolare rilievo ho trovato le citazioni musicali: De Andrè su tutti che, anche se non è più tra noi, non ci ha mai abbandonato veramente poichè, grazie alla sua musica, riesce ancora a stupirci con messaggi profondi e significativi.

Buona lettura !

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...