Dettagli prodotto

Sinossi ufficiale:

Quando non si viene accettati si inizia un percorso introspettivo che porta pian piano a un bivio, ritrovare sé stessi o perdersi? Sembra un mistero da scoprire. Valentina, Ennio, Giorgio e Nicola, quattro vite che si intrecciano vivendo un amore che prende forma, con le sue mille sfumature, tra la cittadina di Apricena e un monastero di Assisi. In questi luoghi si muovono i fili del credo e dei suoi dogmi, la vergogna e l’affetto di una famiglia, la fuga di un’identità alla ricerca di qualcuno che lotti per salvarla. Chi siamo noi per giudicare chi ama? Questa è la domanda che pone l’autrice e che guida il lettore attraverso il moto ondivago dei sentimenti.

Recensione

Con la narrazione in prima persona Antonella Tafanelli ci trasporta in un mondo denso di emozioni ma, purtroppo, intriso anche di dolore.

In questo diario Valentina ci racconta la sua vita. Dal periodo felice dell’infanzia e dell’adolescenza fino alla tristezza dell’età adulta.

La protagonista lotta duramente per realizzare il suo sogno: vuole tornare a vivere in campagna, nella vecchia casa di proprietà dei nonni che le hanno lasciato in eredità alla loro morte, per continuare a coltivare la terra abbandonata.

Un sogno che pagherà a caro prezzo con la solitudine e la perdita di un amore. E, proprio quando si sente appagata, succedono cose che le fanno capire quanto sia effimera la realizzazione attraverso le cose materiali.

Temi pesanti: omosessualità, emarginazione, morte. Tematiche che ci fanno riflettere su quanto ancora sia importante “l’apparenza” e “il giudizio degli altri”.

Valentina riesce a trovare pace solamente di notte. Con l’oscurità, nella solitudine della sua stanza, può sognare un mondo perfetto, dove non ci si vergogna di essere omosessuali e dove si combatte per i propri principi e i propri sogni.

E’ un romanzo di una ragazza che perde la fiducia nel mondo. Con amarezza si rende conto che le persone che vivono intorno a noi, non si fanno scrupoli per avventarsi come squali sui più deboli.

Una trama bella e forte, peccato che il romanzo sia penalizzato da una superficiale revisione ortogrammaticale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...