Dettagli prodotto

Sinossi ufficiale:

È possibile che un semplice quadro sia in grado di rivelare le invisibili tele della ragnatela dell’amore?
Quattro coppie molto diverse e senza nessun legame apparente tra loro, a parte una tela rossa…
In questo percorso a ritroso attraverso le vite dei personaggi a cui la tela è appartenuta -e che conduce fino alle origini del dipinto- ci verrà svelato forse anche molto di più su noi stessi, gli altri, e…l’amore.
Perché l’amore non è mai una coincidenza.

Recensione:

Emanuele Somma è versatile, nuota fluido sia nella corrente poetica che nella narrativa e lo dimostra con questo suo scritto.

Non è un romanzo ma un patchwork di 4 storie collegate in una tela, rossa di passione e amore.

Argomento centrale è il sentimento dei sentimenti. 

Platonico, clandestino, predestinato, perduto…. Ma sempre palpitante, sanguigno, vivo.

È delizioso perché breve, centrato: pochi discorsi ma tante metafore per chi l’ amore lo cerca, lo sfugge, lo rincorre, lo rinnega.

A tutte le età e in tutte le epoche.

I 4 racconti sono spalmati in epoche differenti ma la sostanza, la quintessenza dell’ eros è sempre la stessa:  Chi ama protegge, chi ama è geloso, chi ama non delude le aspettative, chi ama è complice.

 Senza se e senza ma.

Forse i personaggi femminili sono meglio delineati di quelli maschili, probabilmente questa è volontà dell’ autore, che in tal modo delega alle donne e alla loro empatia innata, la profondità del desiderio amoroso.

Una tela rossa quindi nelle sue 122 pagine è come un buon liquore monosorso, da leggere in una tirata, proprio come ci si innamora: con fiato mozzato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...