Dettagli prodotto

Cenni sull’autore:

Enzo Russo è nato in Sicilia e vive a Monza. Ha pubblicato 32 romanzi, alcuni dei quali (Nato in Sicilia, Nessuno escluso, e soprattutto Uomo di rispetto, stampato come anonimo e prodotto anche per il cinema) lo hanno imposto come uno degli autori italiani di maggiore professionalità nel campo della narrativa di genere. È un riconosciuto esperto di problemi legati alla mafia

Fonte: Libri Mondadori

Sinossi ufficiale:

A sette anni, il giorno stesso del funerale della madre, Pietro Lanza viene condotto a Milano da uno zio scapolo, lontano dalla Sicilia, dal padre a da tutto quello che aveva lasciato laggiù. Troppo piccolo per capire, senza nessuno che lo aiuti a ricordare, Lanza rinuncia alla memoria, perdendo progressivamente interesse a tutto ciò che non sia un presente tranquillo, privo di emozioni. Ventisette anni più tardi, il telegramma che gli annuncia la morte del padre lo costringe ad un imprevisto viaggio invernale verso un mondo di cui non sa nulla.

Recensione:

Uno degli aspetti più caratterizzanti del romanzo è l’interessante evoluzione dello stato d’animo e della percezione che Pietro Lanza, il protagonista, ha di sé e di ciò che lo circonda. Pian piano gli si paleserà un nuovo mondo che, in realtà, per lui nuovo non è. Capirà che, al contrario di quanto avesse inizialmente immaginato, questo nuovo mondo, diviso tra due realtà opposte (quella cittadina e quella di provincia), è profondamente radicato nel suo io. Lo scoprirà parte di un passato, che non ricordava di avere mai avuto. Tanto remoti e accantonati, erano quei recenti ricordi. Ciò perché aveva vissuto, negli ultimi ventisette anni, lontano da quella Sicilia che gli aveva dato i natali e che lo aveva amorevolmente cullato, fino ai suoi sette anni di vita. Riscoprirà una realtà completamente diversa da quella milanese, assaporata e goduta a piene mani. Ricorderà un modo diverso di vivere, caloroso e agghiacciante allo stesso tempo. Un telegramma lo catapulterà, suo malgrado, indietro nel tempo e nelle emozioni di un bambino, divenuto ormai adulto. Rinascerà in lui, sempre più forte e ammirevole, la figura di quella madre di cui non aveva più memoria, ma che tornerà ad amare e ad apprezzare moltissimo. Improvvisamente, una finestra sul passato fatta di ricordi riaffioranti, lo affaccerà a profumi e parole dimenticate, riuscendo a ricomporre alcuni momenti che erano illogici agli occhi dell’ allora bambino. Completando, così, la sua maturazione di uomo, capace di non rimanere avviluppato nella ragnatela delle siciliane consuetudini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...