Dettagli prodotto:

Sinossi ufficiale

Genova, febbraio 1945. L’efferato omicidio di un orefice scuote la città stremata da bombardamenti e rastrellamenti. Nora, la vedova, nasconde molti lati oscuri e diventa la principale sospettata. Al Commissario Paolo Picasso, che tutti chiamano “l’Artista”, viene assegnato il caso. Si tratta di un’indagine molto pericolosa per lui, che tempo addietro è stato l’amante di Nora e ora deve affrontare insieme alle insidie dell’inchiesta, anche la difficoltà di mantenere il segreto e di controllare i propri sentimenti. Perché lei finge di non conoscerlo? Come si spiegano le incongruenze sulla scena del delitto? E perché la Gestapo si interessa del caso? I giorni della Liberazione sembrano confondere le carte e solo nel dopoguerra si arriverà a una condanna. Ma è stata fatta davvero giustizia? Molti anni dopo, la caparbia volontà di capire porterà Picasso a conoscere la verità sull’omicidio e sul mistero che Nora ha protetto. E saranno scoperte sconcertanti.

RECENSIONE

Ciao, amici lettori. Oggi parliamo del romanzo “Nora, una donna” di Daniele Cambiaso e Rino Casazza. Edizioni Eclissi

E’ lei l’assoluta protagonista del romanzo: Eleonora Gargano, detta Nora.

I suoi pensieri, narrati in prima persona, ci fanno scoprire una donna  forte, determinata. Assassina? Forse…Prostituta? Sì, ma soprattutto lei, con le sue sofferenze, le sue debolezze e la sua maledetta bellezza che la rende desiderabile agli uomini, pronti a usarla e a rubarle la dignità e le procura l’odio delle donne, intimorite di perdere il loro uomo.

In una Genova in pieno conflitto mondiale,  siamo nel 1945,  Nora è la principale indiziata per la morte del marito gioielliere.

Tra il cibo razionato, il coprifuoco e le sirene che annunciano le incursioni aeree, il commissario Picasso ha il compito di indagare sulla donna e di trovare il colpevole

“Puoi sbagliare infinite volte, ma dovrai sempre comportarti da uomo” diceva il vecchio padre al commissario. E Picasso si comporterà da uomo?

Un giallo dove affiorano tanti scheletri nell’armadio, dove la paura di perdere la sicurezza di una famiglia, il timore di essere giudicati dalle persone, porteranno i protagonisti a compiere delle scelte affrettate e, solo dopo molti anni, la verità verrà a galla.

Tutto è narrato in terza persona, tranne lei, Nora, colpevole, forse, di avere amato troppo. Tutto quello che la riguarda sarà lei stessa a raccontarlo, senza pudori e con semplicità. Ci svelerà il suo percorso di sofferenza, iniziato quando, da giovanissima, rimane vittima di abusi da parte di un pittore. Ci renderà partecipi della sua vita, delle sue decisioni, sbagliate sì, ma sempre fatte in nome dell’amore e dell’affetto. Affetto per un marito coperto di debiti, affetto da elargire a un ragazzo menomato, poi l’amore, quell’amore così forte, per il quale non esiterà a sacrificare se stessa, per salvare lui, l’uomo che non sarà mai suo. Una donna sbagliata, è vero, ma i suoi errori passano in secondo piano di fronte al suo dolore. Il lettore non vede un’assassina, non vede una prostituta, vede solamente una donna che soffre.

Un romanzo dove le parole si rincorrono, la tensione rimane sempre alta, la voglia di conoscere e di capire tiene incollati alle pagine. Ci si immerge totalmente in quella Genova disorientata dal conflitto mondiale: si temono i bombardamenti, si soffre la fame, si sente il gelo di una città spazzata da un inverno glaciale.

Un giallo che mette in luce le debolezze degli esseri umani e, al centro di tutto, lei: Nora, una donna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...