Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 734 KB
  • Lunghezza stampa: 55
  • Editore: Adiaphora Edizioni (1 agosto 2016)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B01I7K62HE
  • Acquistabile qui → su amazon

Trama

Francesca ha visto la propria vita appassire, fallimento dopo fallimento. Non crede più in se stessa né nel proprio futuro. Sarà attraverso lo schermo che ritroverà una dimensione dove dar sfogo ai propri desideri e bisogni. Una nuova fantasia condivisa con Salvo, uno scultore misantropo e scorbutico, che la farà sentire per la prima volta… libera.
Ma riusciranno i loro sentimenti a sopravvivere alla realtà?

Recensione di Alessandra

Ciao. Oggi voglio parlarvi del testo teatrale “Fragole a novembre” di Prisca Turazzi.

Non mi ero mai avvicinata a una lettura di questo tipo e sono rimasta piacevolmente sorpresa.

Francesca è seduta di fronte a Sergio in un pub.  Non si conoscono. Lei puntualizza che non sta cercando  avventure, ma vuole solo raccontare la sua vita a qualcuno che abbia voglia di ascoltarla. Sergio risponde che, essendo sceneggiatore, è proprio alla ricerca di una storia.

Inizia il racconto di Francesca. Quello che emerge immediatamente è che non si accetta, che non si piace e non si è mai piaciuta. Si sente una fallita perché alla soglia dei trent’anni ha ancora un lavoro precario e non ha un amore.

Francesca ricorda il momento in cui ha conosciuto Salvo, l’altro protagonista. Di come lui l’ha fatta stare bene, di come si è sentita felice e libera insieme a lui. Quindi? Il lettore può pensare “Va bene, quindi tutto perfetto”. Invece no, perché, dopo un primo fugace incontro, la storia con Salvo si rivela una storia virtuale.

Non svelerò ulteriori sviluppi, per non rovinare la sorpresa,ma trovo che questo testo sia da leggere.Prima di tutto perché affronta temi forti: l’insicurezza che Francesca riesce a vincere grazie a questo uomo e il tema attualissimo degli incontri virtuali, pericoloso ma, come in questo caso, anche terapeutico.

Francesca narra la sua storia in maniera semplice e diretta, arriva al cuore del lettore e lo cattura.

L’autrice ha una buona padronanza della grammatica e riesce a fare immedesimare il lettore anche grazie agli scenari creati come se si fosse a teatro.

Un consiglio che mi sento di dare è di invitare la scrittrice a sviluppare ulteriormente i personaggi e le ambientazioni per creare un romanzo vero e proprio. Ne vale la pena.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...